Uncategorized

Come Julie Powell, ma all’italiana

La mia cucina in città

Ho iniziato a cucinare molto presto, intorno ai 15 anni.
I miei genitori lavoravano, io avevo una sorellina appena nata, un fratello con tanti impegni e una zia che tentava di insegnarmi l’arte magica della cucina (che arrivava da anni di ristorazione alle spalle).
Me la ricordo ancora, quando mi indicava la corretta preparazione di una scaloppina o una pasta.
E la ricordo, a oggi, con profonda gratitudine e immenso amore.

Ma nella mia vita ho imparato a cucinare due volte. Quello che vi ho appena raccontato è stato l’apprendistato, l’attimo in cui ho appreso l’ABC.
Poi, 14 anni dopo, ho iniziato a cucinare a modo mio. E questo è il vero inizio della nostra storia.
Nel 2008 affrontavo la mia prima convivenza, l’acquisto della mia prima cucina e i primi veri piatti preparati  come “padrona di casa”.
Quelli insomma, da proporre alla madre del fidanzato quando è a cena, agli amici il venerdì sera o semplicemente per due ogni giorno al ritrovarsi a tavola.
La mia vita era decisamente diversa; a tratti mi sentivo confusa, circondata da una realtà nuova che dovevo aggiustare sulla pelle come si fa con un vestito appena comperato. Poi, una sera d’agosto, ho capito che non sarei stata più sola in cucina.

Su Class Life trasmettevano le prime puntate di “In cucina con Csaba” e io incappai per caso in una di quelle.
Una donna poco più grande di me, con fare garbato e amichevole, mi spiegava come potesse essere semplice ricevere amici o familiari con un poco di organizzazione, senza privarsi del tempo per sè, portando in tavola piatti equilibrati, eleganti e saporiti.
Nessuno la conosceva ancora. Io ne ero rapita.
Avevo persino comperato un quadernetto dalla copertina rigida per segnarmi tutti i suoi consigli che includevano menù, ricette, abbinamenti e mise en place.
Ecco, avevo trovato la dama di casa che volevo diventare.

Oggi tutto è cambiato. Quella convivenza è un lontano ricordo, il quadernetto è scomparso e le puntate di “In cucina con Csaba” sono introvabili, persino su Youtube.
Csaba dalla Zorza è diventata famosa e il suo stile è ben noto.
Dal canto mio, ho imparato tanto da lei, ho plasmato la donna che volevo diventare e quel vestito provato 6 anni fa, ora, calza un po’ di più.
Il cibo è ancora il mezzo di comunicazione che preferisco. Attraverso film, ricette, libri. Scrivo ricette per un sito, tengo un corso di scrittura gastronomica e letteratura, lavoro nel mondo della ristorazione. Il cibo è presente in ogni attimo della mia giornata.

Proprio grazie al libro protagonista dell’ultima lezione di “Professione Foodwriter” , la mia mente ha partorito un’idea tanto carina quanto “assurda”.
Martedì sera si parlava di Julie e Julia, libro scritto da Julie Powell per raccontare la sua folle avventura di imparare a cucinare (e sfogare la sua vena scribacchina) attraverso le ricette di Julia Child, la donna che ha insegnato la cucina francese alle donne americane.
Lei le avrebbe testate per un anno e condivise sul suo blog: “The Julie/Julia project”.
Il risultato di questa avventura? La consapevolezza che il cibo aveva salvato entrambe le protagoniste da una vita che correva verso un luogo non desiderato.

Ho pensato a me, leggendo quelle pagine e a come i libri di Csaba dalla Zorza, hanno influenzato la mia cucina e il mio modo di essere. La sua visione del cibo, dell’accoglienza, della discrezione sono piano piano diventati miei.
Perchè mi ci trovavo.
Perchè erano l’accessorio all’abito che finalmente avevo imparato a indossare.
Da sempre sostengo che i modelli televisivi odierni di “donne in cucina” soddisfano le personalità di ognuna di noi: la burrosa e mediterranea Antonella Clerici, la donna acqua e sapone della porta accanto Benedetta Parodi e l’elegante e discreta Csaba dalla Zorza.
Basta guardarsi e capire da che parte andare.

Così, con oggi, inizia il mio divertente viaggio a ritroso nella cucina di Csaba dalla Zorza. Proprio cone Julie Powell fece con Julia Child.
L’appuntamento è ogni lunedì.
Iniziamo con “La mia cucina in città”, libro pubblicato da Luxury Books nel 2004 e, al momento non reperibile.
E’ il primo libro scritto da Csaba, un manuale curato dove invita le donne a godere del piacere del cibo ogni giorno, in ogni occasione, grazie a piatti di rapida esecuzione, semplici ma curati nell’aspetto.
Perché in un mondo frenetico e troppo veloce, è bello godere dell’atmosfera calda e sicura di casa, trovare ricette che parlano di chi le ha preparate e nutrire amici che rendono un venerdì sera, un momento speciale da ricordare.

Attraverso le ricette di questo libro potrete vivere la cucina come un momento speciale di relax dopo una giornata pesante, e non come un’incombenza quotidiana.
Scordate lo stress, annodate il grembiule, riempite un calice con un vino buono e iniziate a cucinare.
I temi delle prossime settimane?

Cucinare in settimana
Cena per due
Con gli amici, in cucina
Week end in famiglia
Brunch in terrazza
Pranzo della domenica
Piatto unico davanti alla TV
Colazione a letto
Buona merenda

Siete pronti a partire con me?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...