STORIE DI MARE

Regalare biscotti, tempo e amore profondo

E l’una e un quarto e io sono in cucina a preparare il brodo per domani.
Il cappone sobbolle e profuma la casa. Mi manca ancora mezz’oretta.
Intanto ho ascoltato un po’ di musica e finito i regali di Natale.

Come già accennato ho scelto il tempo, quest’anno, e ne ho dedicato un pochino a ciascuna delle persone che più amo.
Anche oggi mi sono coccolata con un tè verde, con della buona musica e ho preparato tutti i pacchettini destinati a fratelli, mamma e parentame.
Ho scelto la cucina come tramite e, bhe, ora posso svelarlo dato che, quando questo post verrà pubblicato, tutti avranno già scartato i loro pensierini.

regali di Natale foodie

Ad ognuno dei miei grandi amori ho abbinato un biscotto.
Ho pensato intensamente a loro e poi ho scelto: brownies alle noci di macadamia, canestrelli e cantuccini ma soprattutto cookies.
Ognuno ha il suo abbinamento perfetto; vuoi la storia che mi lega a una preparazione -come può essere quella dei canestrelli- piuttosto che una  perversa passione -come la storia d’amore tra mio fratello e i cookies- ho deciso che era tempo di giocare un po’.

Avete presente le scatole di preparati per i biscotti che si trovano in commercio? Quelli per fare i fondant piuttosto che le torte?
Ecco, io ho pensato a quando ero alle prime armi e prendevo sempre la “miscela 9 torte”. Non c’era nulla di magico al suo interno ma le torte mi riuscivano meglio; io ero convinta fosse per il mixing tra farina e lievito che era veramente omogeneo.
Con questo buffo pensiero in testa ho preso le mie ricette più riuscite e le ho stampate in questa versione foodie di un biglietto di auguri. Poi ho dosato perfettamente gli ingredienti che avrei potuto inserire nel pacchetto e ho segnalato invece cosa andava comperato.

Biscotti fai da te

Infine ho lasciato che la mente volasse a quel momento esatto in cui ognuno dei destinatari sarebbe rimasto solo in cucina, con un foglietto e i sacchettini da sfogliare.
Avrebbe accesso il forno, seguito passo a passo le mie indicazioni e avrebbe sfornato l’emozione del fatto in casa.
E quel momento esatto, quando il biscotto raggiunge finalmente la gola e trionfa in un sorriso, è per me il regalo più bello.
Forse perchè vivo i biscotti come il trionfo di dolce far niente e nel contempo simbolo di amore perfetto.
Forse perchè per me la cucina è la comunicazione più forte che esista.
Forse perchè la memoria passa soprattutto dalla forchetta e da un profumo celato.

Ad ogni modo, per questo Natale, ho regalato biscotti, ho fermato il tempo mio e delle persone che amo, suggerendo di prendersi una mezz’ora e sfornare piccole delizie da abbinare al caffè del primo mattino.
Corriamo troppo, dietro alle cose, alle persone, ai traguardi.
E’ giusto anche fermarsi, solo per un attimo, rubare un biscotto e pensare a quel momento felice in cui qualcuno ti ha annodato virtualmente il grembiule e ti ha sussurrato “tu, per me, sei speciale come questo biscotto”.

E le persone che voi amate, che biscotto sono?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...