STORIE DI MARE

Linee guide sospinte da bollicine. La mia lista futile del 2016 (1 di 2)

anno nuovo

Sono tornata da Atene giusto ieri. Ho pensato, tanto. Poi ho preso la penna e ho iniziato a scrivere.
Ho creato due liste, dato che sono il modo migliore che ho per mettere in ordine le idee.
La prima è quella che vi propongo questa sera.
Leggera, come un bicchiere di bollicine.
Futile, come a volte dovrebbe essere la vita.
E’ fatta di cose che voglio ricordare in questo anno che è appena iniziato.
Sono idee, linee guida da non dimenticare mai.
E quindi, come accennavo su Instagram prima di partire, è tempo di brindare a un anno frizzante e alle cose in cui credo.

Bollicine

Brindo alla libertà, al sangue, alla mente e alla pelle, perchè sono queste le sole cose in cui credo.
Brindo ai momenti che vale la pena vivere, senza pensarci troppo, quelli che poi conti sulle dita e che ti danno ancora dei brividi a pensarci.
Brindo agli aerei del primo mattino, che mi portano negli alberghi che scelgo per vivere come nei sogni, anche solo per qualche giorno ( ma di quelli vi parlerò in un capitolo a parte).
Brindo ai progetti nati davanti a un Berlucchi perchè sono il modo migliore di battezzare qualcosa.
Brindo alle mie persone sottopelle, quelle che ti capiscono e ti donano la libertà perchè è la cosa più preziosa che ci sia.

Brindo all’eleganza che trascende l’abito.
E quindi brindo alle camicie che ti fanno sentire subito bene.
Brindo ai pantaloni classici e alle scarpe altissime ma mai volgari.
Brindo alla mia camicia da notte, che è camicia per davvero e rende eleganti anche tra morbidi piumoni.
Brindo ai rossetti rossi in diverse tonalità ma che non bastano mai.
Brindo agli stessi rossetti ma sbavati da vino, baci e notti lunghissime e silenziose.
Brindo al mio profumo, che sa di femmina, razionalità e classicismo.

Brindo all’educazione che non passa mai di moda.
Brindo ai grazie e ai per favore
Brindo alle porte aperte che lasciano il passaggio.
Brindo ai consigli sinceri che riguardano posti dove mangiare.
Brindo a quell’uomo che sa scegliere il vino e ordinare anche per me.
Brindo a quel tempo che dura poche ore ma non mette in imbarazzo.
Brindo al silenzio che è la cosa più preziosa che io desideri.

Brindo alla gentilezza, che é il miglior modo di farsi ricordare.
Brindo ancor di più a quei gesti generosi di cuore.
Brindo al rispetto verso se stessi, che è meglio ancora dell’amore.
Brindo all’amor proprio, perchè se non ti ami per primo non so chi dovrebbe amarti.

Domani vi racconterò delle cose invece pratiche che mi sono ripromessa per questo 2016.
Voi avete già fatto il vostro planning?

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...