FOOD

Nonna Lena e il mio amore per il merluzzo

Conchiglioni al merluzzo

Tutto parte da un sapore, che è dentro di me.
Merluzzo, baccalà, stoccafisso. Poco importa come viene conservato.
Per me, il profumo che pervade casa significa solo una cosa: Veneto e nonna Lena.

Lei è venuta a mancare quando io ero piccina e, di conseguenza, i ricordi che ho sono annebbiati e vaghi.
Chiudo gli occhi e cerco di andare il più in là possibile con la mente. Corro nella memoria cercando tra i cassetti, frugando come quando si cerca qualcosa di prezioso che si sa che è nascosto da qualche parte.
Ma niente, solo pochi fotogrammi di un film decisamente più lungo.

Il tovagliolo a sinistra

Chiamo mia madre e le chiedo di più.
Le dico che mi ricordo perfettamente di quella donna che mi faceva divertire, mi faceva giocare facendo volare in aria le arance come il migliore dei giocolieri; di quel profumo buono e dolce delle torte che preparava divinamente e la avvolgevano a tal punto da confondere l’aroma della vaniglia con quello dell’amore che una nonna ha per la propria nipotina.
Scopro che questa foto era stata scattata insieme a lei e a nonno Ferry perchè mi portavano all’Orto botanico a scoprire i fiori che lei tanto amava e poi a casa a impastare insieme i dolci.

E allora eccola, mia nonna Elena.
Eccola tra le bacche di vaniglia e le uova da montare, tra la farina come una soffice nuvola e il calore del forno che scalda una vecchia casa di ringhiera.
Eccola nell’attesa che la torta sia pronta, intenta a mostrarmi il lato soffice della vita.
Ma la ritrovo anche ogni qual volta che sono in Veneto e so che anche quella è casa.
E mi sento bene passeggiando tra Verona e Vicenza perchè sono parte di me.

E ripenso a me, oggi, e a quante cose potrei insegnare a lei, che ancora non c’è.
Lei che sarebbe trampolino di sogni e generazione di donne.
Lei che sarebbe la pasta fatta in casa di mia zia e la torta alle mele di mia madre, rivisitata perchè ancora sostiene che la bravura di nonna Lena abbia saltato una generazione.
Lei che mi farebbe impazzire proprio come faccio impazzire io la mia, di madre, quando le racconto dei miei viaggi immaginifici.
Lei, che viaggerebbe un sacco e imparerebbe a sentirsi a suo agio tanto in tenda quanto in un Relais et Château.
Lei, che sarebbe il mio senso di libertà più sincero.
Lei, per cui tutto quello che so, finalmente avrebbe un senso.

CONCHIGLIONI AL MERLUZZO

Ingredienti per 4 persone
24 conchiglioni
400 g di filetto di merluzzo
2 patate medie
sale e pepe quanto basta
prezzemolo quanto basta
uno spicchio di aglio
100 ml di panna vegetale
la scorza di un limone grattugiata
200 g di polpa di pomodoro
basilico quanto basta
due cucchiai di olio extravergine

Mettete a lessare le patate, precedentemente sbucciate e tagliate a cubetti, e il merluzzo in abbondante acqua salata. Dal bollore, considerate 20 minuti.
Togliete il pesce e le patate con una schiumarole e, nella stessa acqua cuocete le conchiglie (indicativamente 14 minuti). Scolatele.
Nel frattempo, in una ciotola, schiacciate il merluzzo e le patate con una forchetta in modo da farli diventare quasi una crema. Aggiungete lo spicchio di aglio schiacciato con l’apposito attrezzo (o tritato finemente), il prezzemolo e la scorza di limone.
Regolate di sale e pepe e aggiungete la panna. Mescolate fino ad avere una crema densa ma con ancora visibili pezzetti di merluzzo.
Con questa crema riempite i conchiglioni.
Accendete il forno a 200 gradi. Ungete una o più pirofile con un filo di olio e depositatevi le conchiglie farcite.
Condite con la polpa di pomodoro, salate e pepate a spolverizzate con basilico tritato al coltello.
Infornate per 15 minuti.

 

 

 

Annunci

4 thoughts on “Nonna Lena e il mio amore per il merluzzo

  1. Che post tenero. Mi sembra quasi di vederla la tua nonna, con il suo profumo di torta appena sfornata. Troppo spesso ci accorgiamo di quanto ci mancano le persone che erano a noi più vicine da piccole ma spesso basta poco per ricordarle, un profumo, una vecchia foto… o una pietanza, come nel tuo caso.
    Sono certa che la tua nonna sarebbe felice nel leggere con quanto affetto la ricordi.
    Un forte abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...