cucina · MONDAY INSPIRATION

My Monday Inspiration: Polpette di quinoa, lime e trota salmonata


Polpette di quinoa, lime e trota salmonata

 

La trota è il primo pesce che ho mangiato da bambina e me ne sono innamorata.
Che lo voglia o meno abito in un luogo lontano dal mare ma vicino a qualche corso d’acqua abitato.
Viene naturale, prima o poi, avere sulla tavola un pesce non marittimo: carpe, lucci, trote.
Ecco, le ultime hanno avuto fin da subito la mia approvazione.
La loro carne delicata e succosa, il profumo all’aprire lo sportello del forno, la lieve lotta contro quelle spine superficiali.
In età adulta sto cercando di dare alla succitata bestiona una connotazione differente dal solito pesce al forno e, quando posso, sostituirlo al salmone
Ho creato tempo addietro un panino con trota salmonata e creme fraiche e oggi ho pensato di trasformarla in polpetta.
Il risultato è delizioso.
Una panatura croccante data dal mais e dalla quinoa all’interno e un cuore morbido e fresco per la polpa della trota e il lime.

il tovagliolo a sinistra

 

Sempre sul discorso trota, c’è questa foto che amo da impazzire, con mia madre poco più che ventenne e io poco più che deambulante che guardo con profondo sospetto l’essere davanti a me appena uscito dall’acqua. Ricordo i pomeriggi in lanca a pescare, costruendo in me la pazienza dell’attesa e con essa il moto felice della speranza.
Lei così giovane, con quello sguardo entusiasta, con quella grazia e fiducia nell’amore e io così vergine nei pensieri, con una strada tutta da scrivere, con un concetto da comprendere e fare mio: l’amore.
Ognuno ne ha la sua versione e il suo punto di vista.
Io avevo, all’epoca, due alternative: la fiducia di mia madre o l’irrequietezza di mio padre.
Credo di aver scelto inconsciamente la seconda opzione.

Il tovagliolo a sinistra
Mio padre ha regalato a mio nonno questo pesce meraviglioso, un mesetto fa.
Io sono stata l’addetta alla preparazione. Lavandolo per pulirlo dagli ultimi grumi di sangue ho capito da chi ho imparato a prepararlo ed eviscerarlo bene.
So che siamo identici, io e lui: orgogliosi, testardi, inquieti e irrecuperabilmente istintivi.
Il giorno del suo compleanno, come ogni anno, mi sono svegliata consapevole,  dicendo dentro di me: “Tanti auguri papà”.
Ma lui non lo sa. Perché anche in questo siamo uguali.
Si dice che la testa di cazzo l’abbia presa da lui.
Ne sono consapevole, e sorrido.

E quindi?
Quindi ecco il mio senso dell’amore.
Amo a modo mio, sinceramente, ma amando prima di tutto me stessa.
Vivo i sentimenti come qualcosa di pericoloso, cercando di tenerli sotto controllo il più possibile, perchè come tali, sono soggetti a mutamenti e io preferisco la stabilità del raziocinio.
Amo con il sangue e il cervello.
Temo le delusioni, come tutti, ma ho imparato ugualmente ad alzarmi quando cado in ginocchio.
Dono completamente me stessa solo a chi sa camminare da solo.
E come dice il mio prossimo tatuaggio: ” c’è chi, per esser puro sangue, non conosce la tenerezza, il pianto ma nemmeno la menzogna”

POLPETTE DI TROTA SALMONATA, QUINOA E LIME

Ingredienti per circa 15 polpette

un filetto di trota salmonata
il succo e la scorza di un lime
mezzo bicchiere (quello della Nutella) di quinoa
un bicchiere intero di acqua
sale quanto basta
pepe bianco quanto basta
un uovo
pan grattato quanto basta
uno spicchio di aglio
una noce di burro
basilico tritato
farina di mais quanto basta
olio per friggere

In una padella antiaderente fate sciogliere la noce di burro e cuocete il filetto di trota salmonata irrorandolo con il succo del lime. Nel momento in cui si staccherà dalla pelle sarà pronto.
In una pentola portate a bollore l’acqua leggermente salata e cuocete la quinoa a fuoco basso e con un coperchio per una decina di minuti lasciandolo poi riposare, sempre coperto, a fuoco spento (seguite i metodi di cottura scritti sulla confezione). Il cereale dovrà assorbire tutta l’acqua contenuta.
Con le mani create piccoli pezzettini, in modo da togliere anche eventuali lische e metteteli in una ciotola capiente.
Unite la quinoa e, con un cucchiaio, amalgamate bene il tutto, schiacciando con il dorso il composto e compattando il meglio possibile il pesce.
Aggiungete la scorza della quinoa, l’uovo, l’aglio tritato finemente, il basilico e il pangrattato. Impastate bene tutto fino ad avere un risultato sodo e morbido.
Create delle polpettine e passatele nella farina di mais poi friggetele fino a farle dorare. Asciugatele con della carta assorbente e servitele con vino bianco ligure.

 

Annunci

4 thoughts on “My Monday Inspiration: Polpette di quinoa, lime e trota salmonata

  1. Un bel pensiero per tuo padre, e poi così simili, mi piace leggere le tue parole e pensare a come fai felice chi ti legge con la tua spontaneità e leggerezza. Poi la ricetta… che dire, è la ciliegina sulla torta 😉

    1. Tesoro rapporto complesso ma comunque formativo.
      Settimana intensa e ti rispondo solo ora. Adesso vengo a curiosare tra le tue meravigliose ricette.
      Un bacione a te e principesse ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...