cucina · STORIE DI MARE · TRAVEL

Buon compleanno a me! La mia wishlist

La mia wishlist

Tic toc, tic toc.
Aprile sta tornando e con lui la primavera (almeno si spera) e il mio compleanno.
Sono entusiasta, come sempre, e come sempre amo pensare a ciò che sto diventando, alla soglia dei quarant’anni.
Certo ne mancano ancora tre effettivi, ma ormai sono vicini a sufficienza per sentirne l’aroma.
Arrivo a 37 anni e sento profumo di gelsomino e vetiver.
Mi guardo allo specchio e vedo una donna testarda, silenziosa, determinata. Sto maturando e non smetterò mai di farlo, spero. Sono più pragmatica, dannatamente focalizzata sulla realizzazione professionale; d’altro canto credo più alla ragione che al sentimento e la mia vita non potrebbe andare in nessun altra direzione se non questa.
Mi guardo e vedo una me diversa, consapevole.

Oggi

Ho imparato che la serenità è un traguardo e, se come me soffri di attacchi di panico, è una meta che vale tutto l’oro del mondo, anche se comporta rinunce.
Ho imparato che una vita organizzata riesco a viverla meglio e più profondamente.
Ho imparato anche a staccare i post it e fare spallucce.
Ho imparato che lavorare con persone positive e propositive è un dono prezioso.
Ho imparato che divertirsi con chi lavori vale ancora di più.
Ho imparato che il sangue non mente mai e che i rimpianti sono un macigno che non voglio avere a logorarmi l’anima.
Ho imparato che il mare e i tatuaggi non sono mai abbastanza.
Ho imparato che scrivere è e resta il mio unico modo di comunicare.
Ho imparato che il cibo mi racconta sempre più di quello che voglio sapere.

Fight

Devo imparare ad accettarmi, a criticarmi meno, a perdonarmi di più. A non rompermi troppo le palle insomma.
Devo imparare a gestire gli attacchi di panico. Sono una parte di me, che io lo voglia o meno. Come le gambe lunghe.
Devo imparare a comprendere, a capire che tra il bianco e il nero ci sono infinite gradazioni. Magari non nella mia vita, ma in quella degli altri.
Devo imparare che il fuoco, alle volte, va domato.
Devo imparare a stare sola. Veramente. E sentirmi forte uguale.

Ma, per alleggerire il tono di questo post, ecco la lista dei regali da compleanno perfetta.
A buon intenditor poche parole. Avete 15 giorni di tempo per organizzarvi 🙂

La Liguria e la mia infanzia

La Conchiglia (Arma di Taggia)

Ho bisogno della Liguria come la gente ha bisogno dell’aria per respirare. Per me è vitale.
E’ la prima aria che ha svegliato i miei polmoni uscita dall’incubatrice da bimba.
E’ il luogo dove ho capito cosa vuol dire per me amare.
E’ il mio luogo placentare. Punto.
Quindi immaginare il mio risveglio ad Arma di Taggia, con la colazione lungomare e un pranzo alla Conchiglia (che nella piccola Arma ha una stella Michelin) ha del paradisiaco. Cosa che il solo pensiero mi riempie il cuore di meraviglia.

I libri e le mie dipendenze
Ostriche

Nella mia trasformazione in donna adulta ho scoperto di amare due cose più delle bollicine.
Una sono le ostriche. L’altra è l’Armagnac.
Ecco, di entrambe vorrei conoscere ogni sfumatura e caso vuole che sul primo argomento sia stato scritto un libro delizioso. La letteratura sull’Armagnac avrà la mia completa attenzione il prima possibile

Un mazzo di peonie e la primavera

Peonie

Un semplice mazzo di fiori e un bigliettino scritto a mano.
L’eleganza della semplicità.
Non credo serva altra spiegazione.

 

Visto? Solo tre desideri che neanche il genio della lampada.
Per tutto il resto vi tengo aggiornati su Instagram, Facebook e Twitter 🙂
Non distraetevi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...