cucina · MONDAY INSPIRATION · MYLIGURIA

My Monday Inspiration: ritrovarsi

Ok è giovedì e come Monday Inspiration arrivo tardi.
Ma questa volta, come si dice, i fatti raccontati sono tratti da una storia vera.

Varazze

Passata la domenica e il mio compleanno, il lunedì sono fuggita a Varazze, come faccio sempre quando ho bisogno di un attimo di respiro ma il tempo resta il nemico principale.
Come puoi spiegarla, la Liguria, a chi non ce l’ha dentro?
Come puoi esprimere la serenità di un respiro finalmente regolare?
Quel fuggire per trovarsi raccolti in un abbraccio invisibile.
Fuggire per ritrovare la parte più vera e nascosta.

Hotel Ariston Varazze

Preparo la borsa con il minimo indispensabile. Niente make up, niente abiti o scarpe vertiginose.
Magliette a righe, pantaloni comodi, sneakers basse e una felpa; capelli raccolti e occhiali da sole.
Macchina fotografica, una Moleskine, musica e un libro.
Non lo voglio il contatto con le persone, non lo sto cercando come non cerco la movida.

Cerco carruggi pieni di profumi rotolanti,
cerco l’odore del pesto fatto in casa, che è il balsamo migliore,
cerco la musica improvvisa e una birra rinfrescante.
Cerco quell’angolino celato e quasi vintage,
che porta dentro il ricordo di estati lontane e fanciullesche
quando l’amore era contornato da speranza e gentilezza
come il migliore dei sogni.

Varazze

Lascio i bagagli in camera, apro la porta finestra ed esco in terrazza. Il profumo di mare e macchia mi investe, trasportando con sé un aroma lontano di cibo.
Qualcuno sta cucinando.
Un gatto mi guarda dal tetto di un garage.
Una moto passa rumorosa a interrompere il momento.
Mi siedo per terra e chiamo mia sorella. Ho bisogno di sentire la sua risata argentea e le nostre chiacchiere leggere.

Il tovagliolo a sinistra

Poi, macchina fotografica alla mano passeggio e mi perdo.
La mente completamente sgombra e vergine.
Sono in Liguria, sono a casa.
Lo sento sulla pelle e nel profondo, questo legame.
Mi guardo intorno e ritrovo tutto ciò che mi appartiene.
Soprattutto lui, il mare.

Forse è così che ci si sente, quando la prima aria che respiri è gonfia di salsedine.
Quando i tuoi primi passi incerti  rimangono sulla sabbia.
Quando sai che profumo ha davvero il basilico.
Quando impari che l’amore non ha un padrone ma solo cicatrici sottopelle che ti rendono diverso, né migliore né peggiore. Diverso.
E’ così che ci si sente quando il cuore esplode dopo l’ultima curva che cela il mare allo sguardo.
Quando dalle persiane accostate della cucina vedi il mare e i gabbiani sono una dolce sinfonia.
Quando il mare, il maledetto mare, ha sempre avuto ragione. Ed è quello il mio mare, e nessun altro.

Varazze

Non è andata come sognavo da bambina.
Non mi sono trasferita ad Arma di Taggia dopo l’università, non lavoro a Sanremo e non ho passeggiate lungomare quando la sera scende dolcemente rosata.
Certo è una ferita che fa fatica a chiudersi ma, una cosa che ho imparato da quei temporali estivi improvvisi e rapidissimi che mi tenevano lontana dalla spiaggia, è che tutto può cambiare.
E basta davvero un attimo.

Liguria

Allora credo in un futuro davanti a una tastiera del computer, a scrivere e raccontare il mondo dal mio cantastorie preferito: il cibo.
Credo nella forza di volontà e nella testardaggine di perseguire obiettivi.
Credo in fughe meditabonde nuovamente in Liguria, a sentirmi come Hemingway rincorrendo l’ispirazione tra un gabbiano e un vociare indistinto.
Credo che il mare continui ad aver ragione. E quindi, quando chiama, basta ascoltarlo.

Ligurian gift

Focaccia ligure

Le dosi di focaccia da mangiare in Liguria non sono abbastanza. Dalla colazione appena alzati allo spuntino di mezzanotte dopo l’ultimo bacio, è la fedele compagna di ogni momento.
Quella vera, ad ogni morso, rilascia olio sulle dita e sulla lingua.
Nettare prezioso e marchio di fabbrica. Non tornerete più indietro

Focaccia al formaggio

La focaccia al formaggio è la degna alternativa alla classica all’olio di oliva. Una sfoglia piena di morbidezza, proprio come l’asciugamano caldo di sole appoggiato sulle spalle appena usciti dall’acqua.

canestrelli

Un sacchetto di canestrelli è scelta obbligata per la colazione o la merenda.
Provate a rifarli a casa con la mia ricetta. Sono friabili e burrosi, talmente delicati che il contatto con la lingua si trasforma in un bacio agrumato e zuccherino.
Le dita rimangono avvolte nello zucchero a velo che le profuma di dolcezza.
E il ricordo dei carruggi carichi di profumi sfuggiti ad un forno é subito reale.

Acciughe alla ligure

Le acciughe sono una mia dipendenza, potrei non avere ritegno nell’ordinarle. Le mie preferite sono quelle semplici, appena condite con l’aceto che si mischia con la carne succosa e salmastra del pesce.
Provatele anche ripiene.

Rossese di Dolceacqua

Non solo Pigato tra i vini liguri. Amante di quelli del ponente (resto armense d’altronde), provate il Rossese di Dolceacqua. Il profumo è lieve, fragrante, fruttato e floreale; l’aroma ha forti richiami mediterranei, di macchia (timo, rosmarino, pino, elicriso…), di terra e di mare; se giustamente affinato si fa intenso e persistente, con sentori più complessi e articolati di rosa leggermente appassita, di frutti rossi, di spezie e altri profumi mediterranei che confermano lo strettissimo legame tra il mare e la terra, a specchio del territorio d’origine. La gamma aromatica è molto complessa e stratificata.

Olio taggiasco

Infine l’olio extravergine di oliva taggiasca. Gioco in casa con la Casa Olearia Taggiasca di Arma di Taggia per consigliarvi un prodotto davvero pregiato, dal colore giallo, dal profumo fruttato, appena piccante con sentori di mandorla e pinolo. Orgoglio DOP, è usato in diversi piatti della cucina ligure ma il mio abbinamento preferito è con una fettina di pano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...