STORIE DI MARE

5 consigli per essere produttivi sul lavoro

Oltre all’abbronzatura, una delle cose che amo portarmi a casa dalle vacanze è la voglia di fare.
Capita anche a voi di partire in quarta  per poi ritrovarvi a fine mese già completamente dispersi in voi stessi?
Quindi, ciò che ho imparato a fare è organizzarmi bene la giornata (ma anche la settimana).

Da buona amante delle liste risulta facile trovare un motivo per crearne una ma, soprattutto nel lavoro, l’ho trovato un modo assolutamente perfetto per non perdere tempo.
Eccolo infatti il problema: tutto il tempo che perdiamo inutilmente durante la giornata.
Continue distrazioni, la stanchezza, i troppi impegni finiscono per allontanarci dall’obiettivo che ci siamo fissati per la giornata, ritrovandoci l’indomani con impegni arretrati che si accavallano a quelli nuovi.

Ho pensato allora di condividere con voi 5 consigli per essere più produttivi durante la giornata smettendo così di procrastinare impegni e arrivare a sera decisamente appagati.
Meritando quindi quel calice di vino rosso che sognate dalle 11

SVEGLIATI E FAI COLAZIONE CON CRITERIO

Lo so che sembra quasi scontato ma la concentrazione che metti sul lavoro dipende dall’energia che hai dentro te stesso fin dal primo mattino.
Cerca di non svegliarti con il mantra “sono già in ritardo” ma trova il tempo di prepararti con calma e fare colazione con qualcosa che va oltre un caffè al volo nel bar sotto l’ufficio.
Prediligi pane tostato, miele, frutta (che può essere una spremuta o un centrifugato) insieme al caffè, per donare energia da bruciare al tuo organismo durante tutta la mattinata.
Altrimenti nell’arco di mezz’ora stai già contando le farfalle.
Poi durante il lavoro cerca di bere tanta acqua e spezza la mattina con uno snack (bene frutta secca, per esempio).

CREA L’AMBIENTE ADATTO

Prima di tutto prepara la tua postazione. L’ordine è fondamentale per rimanere concentrato:
*se lavori da casa, purifica l’aria dello studio e, se ti va, usa un profumo per ambienti che ti piace particolarmente;
*smaltisci le cose inutili, i foglietti e tieni la tua scrivania libera dal caos e dal disordine;
*cerca di eliminare il più possibile i rumori esterni.

Ora che sei davanti al computer, cerca di privarti di ogni forma di distrazione:
*disattiva le notifiche dei social network, delle chat, delle mail;
*chiudi tutte le finestre che non riguardano il lavoro che stai portando avanti;
*fissati un impegno per volta e portalo a termine.

FAI LA LISTA DELLA GIORNATA (E ANCHE DEL GIORNO DOPO)

Cerca di creare ogni giorno la lista delle cose da fare tra impegni, telefonate, mail.
Stabilisci per ogni impegno una durata così da organizzare il lavoro di mattino e pomeriggio, seguendo un filone logico.
Io tendo a fare tutte le telefonate in un colpo solo, poi le ricerche, poi le mail così da non dover saltellare tra telefono e computer.

Ottimizzare il lavoro significa anche questo: se sai di avere a disposizione un’ora, saprai cosa potrai iniziare e finire in quell’ora, portando così a termine un impegno.
Sta poi a te stabilire se vuoi iniziare da qualcosa di importante che ti porterà via tutta una mattinata (ma ti farà togliere un macigno dalla to do list) oppure prediligere tanti piccoli impegni per avere solo un obiettivo per il pomeriggio.

FERMATI

Quando si tratta di lavori creativi, si sa, non si può sperare di avere lo stesso stimolo dalle 9 alle 17.
Ecco perché è utile prendersi una pausa ogni tanto e ricaricare la mente: un caffè certo ma anche una commissione.
Io faccio così: la mattina cerco di concludere un po’ di impegni al computer poi vado a fare la spesa per le ricette che devo preparare (il che significa passeggiata all’aria aperta) e ricomincio a lavorare al computer nel primo pomeriggio, a ricetta -e pranzo- conclusi.

Alternare lavoro manuale e mentale è un buon modo per tenere alta la concentrazione.
Ottimizzerai diversi lavori, non perderai tempo effettivo, e il tuo cervello te ne sarà immensamente grato.

E DOMANI?

A fine giornata fai un bilancio di come è andato il lavoro e programma gli impegni del giorno dopo.
Personalmente amo suddividere il lavoro già su tutta la settimana, impegnando i miei giorni con parsimonia ed evitando il più possibile il pressure test, avendo comunque la visione d’insieme dei miei impegni.
E’ più saggio alternare giorni pesanti ad altri più leggeri oppure segnare un impegno importante al giorno, circondandolo di impegni meno gravosi (ma comunque da fare).

Un fattore fondamentale, nel pianificare il lavoro, è anche la clemenza nei confronti di te stesso.
Devi essere realista nel programmare la giornata per non incappare in 35 impegni che sai già non potrai portare a termine.
Affidati quindi a una scala di importanza/urgenza dei tuoi impegni e pianificali nei giorni a venire.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...